BHS Times

Gen 8, 2022
admin

Powder puff football game dà il via alla Pink Week

Wyatt Feldmann

Le ragazze senior celebrano una vittoria nel Powder Puff game 2019.

Natalie Stafford, Co-Editor in Chief
4 ottobre 2019

La nona partita annuale di Powder Puff ha avuto luogo lunedì 30 settembre alle 19. La classe junior del 2021 e la classe senior del 2020 sono andate testa a testa in una partita di flag football sul campo di calcio della Brighton High School. I senior hanno preso il titolo di campione, con il punteggio di 25-13.

Durante questa partita di lunedì sera, non solo le ragazze junior e senior hanno giocato a calcio, ma le loro controparti maschili hanno fatto il tifo per le loro classi a bordo campo. Erano allenati dalle cheerleader della varsity Hailee Buckley, Avery Smith, Yale Zultowski e Catie Carruthers. Le cheerleader maschili junior e senior hanno incluso uno spettacolo di metà partita a ritmo di musica, completo di acrobazie.

Wyatt Feldmann
Le cheerleader maschili hanno ipnotizzato la folla per la partita.

Questa partita è stata supervisionata dall’insegnante di Leadership Nathan Grabowski, che ha detto che il vero merito dovrebbe essere dato al senior Matt Jontz. Jontz fa parte della Leadership, e secondo Grabowski, il suo compito per la Settimana Rosa è stato quello di coordinare il gioco della polvere, oltre ad essere il capo allenatore dei senior.

Tutti i proventi della partita sono stati donati al St. Joseph Mercy Cancer Center di Brighton. Grabowski ha detto che un obiettivo della raccolta fondi della Settimana Rosa era quello di aiutare persone e luoghi locali.

Grabowski ha anche notato che il gioco Powder Puff è una parte importante della Settimana Rosa perché è inclusivo. Non sono solo gli atleti che amano giocare, è un gioco per tutti. Poiché coinvolge così tanti studenti e beneficia un centro medico locale, “è una vittoria per tutti perché è per beneficenza”, ha detto.

La senior Megan Soop è d’accordo con Grabowski, dicendo che il gioco mostra tutti i giocatori e le cheerleaders che si uniscono per giocare una piccola parte per una causa più grande e migliore. “È come se stessimo combattendo una parte minore in una battaglia più grande”, ha detto Soop.

La junior Sophia Turner è d’accordo con Soop, dicendo che rappresenta le persone che si uniscono per sostenere la consapevolezza del cancro e le associazioni di beneficenza.

Wyatt Feldmann
Le ragazze junior sono entusiaste di sfidare le senior.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.