Diagnosticare le infezioni vaginali

Nov 5, 2021
admin
  • Il dottor Jenkins è un medico generico di Bristol

PUNTI CHIAVE

  • Una storia sessuale accurata è vitale. Lo screening per le IST è essenziale quando i sintomi persistono.
  • Anche se il trattamento iniziale di una semplice infezione può essere appropriato senza coltura, la sintomatologia può essere variabile e il gold standard dovrebbe essere una coltura positiva e la sensibilità, specialmente con sintomi persistenti o ricorrenti.
  • La vaginite trofica nella donna in peri e postmenopausa può simulare un’infezione locale.

1. Pirotta M, Gunn J, Chondros P et al. Effetto del lactobacillus nella prevenzione della candidosi vulvovaginale post-antibiotica: uno studio controllato randomizzato. BMJ (Clinical research ed) 2004; 329 (7465).

2. Falagas ME, Betsi GI, Athanasiou S. Probiotici per la prevenzione della candidosi vulvovaginale ricorrente: una revisione.
J Antimicrob Chemother 2006; 58(2): 266-72.

3. British Association for Sexual Health and HIV Guidelines

5. Fong IW. Il valore del trattamento dei partner sessuali di donne con candidosi vaginale ricorrente con ketoconazolo. Genitourin Med 1992; 68(3): 174-6.

6. Health Protection Agency

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.