I migliori metodi per domare un cavallo per principianti

Dic 7, 2021
admin

Non è come nei film.

Non si salta sulla schiena di uno stallone selvaggio e si scappa via, illesi.

Quindi, principianti, siate avvertiti.

Se è la prima volta che rompete un cavallo, la sicurezza dovrebbe sempre venire prima per il bene di tutte le vite.

Per quanto gentile sia il gigante, i cavalli hanno istinti da preda che possono essere pericolosi anche per i predatori.

Pertanto, se non sei preparato a gestire comportamenti scorretti, ti consigliamo di farti assistere da un addestratore addestrato nell’esperienza impegnativa ma gratificante di domare un cavallo.

Detto questo, è solo a tuo vantaggio imparare qui i migliori metodi di domare un cavallo. Questi semplici ma innovativi consigli hanno trasformato cavalieri medi in sussurratori di cavalli.

Ma prima, un corso di aggiornamento.

Freaking in a Horse for the First Time: What you need to Know

Un cavallo che non è mai stato cavalcato o allenato è “unbroken”. In altre parole, non è addomesticato o abituato ad una cavalcata.

Come tale, i cavalli non domati – quelli troppo giovani per l’addestramento o i brumbies (cavalli selvaggi) – non dovrebbero essere lasciati alle cure di cavalieri principianti.

Che cos’è l’Horse Breaking?

Rotturare un cavallo è domare o addestrare un cavallo per raggiungere lo scopo del tuo cavallo (equitazione o guida).

Che cos’è questo termine?

E’ un termine poco amichevole che significava “forza” usato per rompere lo spirito di un cavallo.

Vecchie storie dicono che quando si doma un cavallo per la prima volta si viene disarcionati.

Di nuovo e di nuovo, finché il lavoro non è fatto.

Come dice una citazione popolare di un vecchio cowboy:

“Il trucco per domare i cavalli è, dopo che sei stato disarcionato, continuare a rimontare finché il cavallo non si annoia.”

Si romperà molto: schiena, costole, dita, caviglie, denti. Anche recinti e cavezze.

Da qui, il termine “rotto”.

Un cavallo ben rotto, quindi, significa che il cavallo è stato addestrato ed è in grado di eseguire le responsabilità.

Ecco altri termini di cui potreste aver sentito parlare:

Saddle Broke – Un cavallo addestrato a portare un cavaliere

Harness Broke – Un cavallo che risponde ad una imbracatura per tirare un carro o una carrozza

Green Broke – Un cavallo che è muto o “green broke” sta appena iniziando ad imparare le basi per andare avanti con un cavaliere

Halter Broke – Un cavallo è comodo per accettare una cavezza e si comporta quando viene legato, governato o porta ordini quando ne porta una.

Quando è l’età migliore per domare un cavallo?

Non esiste un’età perfetta. Tutto dipende da diversi fattori tra cui le dimensioni e le condizioni del corpo.

Una ricerca, in linea con il manuale di gestione dei cavalli del 1920, suggerisce che i cavalli non dovrebbero portare più del 20% del loro peso corporeo.

Tuttavia, è pratica comune rompere un cavallo nell’intervallo di età tra i tre e i quattro anni. Alcuni condizionano i cavalli all’età di due anni.

A queste età, sono anche più inclini mentalmente a obbedire agli ordini. Rompere un cavallo troppo giovane e i cavalli possono soffrire di problemi alle articolazioni e problemi di solidità.

Di cosa ho bisogno per rompere un cavallo per la prima volta?

A parte la pazienza, la strategia, la conoscenza e il tempo per costruire la fiducia, avrai bisogno di questi per preparare il tuo cavallo:

  • Orologi come briglie, cavezze e cavalli
  • Sella
  • Corde di comando
  • Casco per il cavaliere
  • Soste di sicurezza o stivali con un tacco di un pollice

Molti esperti preferiscono domare un cavallo in un recinto circolare, ma altrimenti, uno spazio chiuso come un’arena o un piccolo paddock può aiutare a fissare l’equino dallo spirito libero.

Diversi metodi di addestramento del cavallo

Ci sono molte forme di addestramento che rientrano in due tipi generali:

  • L’equitazione naturale è l’approccio più amichevole e moderno
  • I metodi tradizionali sono severi e possono essere forti

Meglio metodo: Approcci dell’equitazione naturale

L’equitazione naturale è più psicologica che fisica. Non la forza. Non il dominio. Non la paura.

Ma il rispetto.

Se si mira a considerare il comportamento del cavallo e il linguaggio del corpo, si sta andando “naturale” con il vostro horsemanship.

Ecco alcuni principi fondamentali basati sul ragazzo di svolta, il libro Leadership and Horses di Don Jessop.

1. Avvicinarsi e ritirarsi

Questo è uno dei migliori metodi per rompere un cavallo.

Perché non si rompe la fiducia di un cavallo, la si costruisce.

Farlo avvicinandosi al cavallo. O andando verso di lui.

Ma la chiave è sapere quando ritirarsi o indietreggiare.

Il cavallo diventa naturalmente timoroso ogni volta che ti avvicini.

Quindi, ritirati.

  • Ritirati quando al cavallo non piace essere sellato (per esempio), ritirati nel frattempo. Dare all’animale il tempo di elaborare qualcosa di nuovo, di accoccolarsi e poi reintrodurre di nuovo la sella, lentamente.
  • Ritirarsi quando sembra agitato dalla tua presenza
  • Cedere terreno quando esita ad eseguire un ordine e dare tempo
  • Ritirarsi se non si avvicina, dargli spazio e attirarlo con calma in cerchio

Ci sono molte varianti di questa tecnica a seconda dell’addestratore, ma il concetto è semplice: avvicinarsi e ritirarsi e ripetere il processo fino a quando il cavallo è più tranquillo.

L’obiettivo è quello di costruire la fiducia del cavallo nella tua presenza.

2. Pressione e rilascio

Cosa significa pressione?

Considerala un rinforzo negativo.

Un guinzaglio in un cane per esempio.

Motivare e dirigere l’animale usando il guinzaglio e rilasciarlo quando fa la cosa giusta o va nella direzione giusta.

È importante notare che si può aumentare la “pressione” nel modo più tollerabile possibile.

Si può anche regolare il “rilascio” quando la risposta migliora. Questo deve essere perfettamente sincronizzato:

  • Un tentativo o uno sforzo per muoversi può equivalere ad un leggero rilascio
  • Un miglioramento in una risposta garantisce un miglioramento nel rilascio
  • Rilascia al massimo quando la risposta è mentalmente e fisicamente corretta

Applichiamo questo con il tuo cavallo.

Può darsi che lui o lei non voglia seguirti nel rimorchio.

Non forzare il tuo cavallo. Tieniti piuttosto stretto alla corda.

Lascia la presa lentamente per riconoscere ogni sforzo. Allenta completamente quando l’obiettivo è raggiunto.

Qualunque variante di questo metodo tu scelga, il concetto è lo stesso: la pressione motiva il cavallo ma lui impara dal rilascio.

3. Orientato alle ricompense

La scienza ha dimostrato che i cavalli sono intelligenti. Nel momento in cui stai domando un cavallo, pensa alla tua razza come a un bambino di quattro anni, perché gli scienziati dicono effettivamente che hanno la stessa capacità cerebrale.

Significa che il tuo cavallo può eseguire compiti semplici e proprio come un bambino, risponde con conseguenze o ricompense.

Quando tuo figlio fa la cosa giusta, tu dai a tuo figlio un nuovo giocattolo o dei premi, giusto?

Le ricompense sono tra i migliori metodi di addestramento di un cavallo.

Ora, la domanda è: cosa considera un cavallo una ricompensa?

Un suggerimento: non deve essere per forza cibo.

Infatti, gli esperti equini raccomandano di praticare le precauzioni di sicurezza quando si danno le ricompense ai cavalli.

Leggi di più: Che tipo di cibo mangiano i cavalli?

L’autore, Robert M. Miller, DVM, nel suo nuovo libro Natural Horsemanship Explained: From Heart to Hands, sostiene che le ricompense dipendono da ciò che il tuo cavallo vuole.

Forse il tuo cavallo ama:

  • Fare una pausa nel pascolo
  • Farsi curare o lodare
  • Mettersi con un altro cavallo
  • Mangiare carote o mele

Potrebbe anche essere semplice come rimuovere il rinforzo negativo. Qualunque sia il tipo di ricompensa che è dare quella cosa desiderabile immediatamente.

Preferibilmente subito dopo un lavoro ben fatto, così il cavallo capisce la connessione.

4. Desensibilizzazione

È naturale per i cavalli avere paura.

Ma quanto spesso il tuo cavallo si spaventa?

La desensibilizzazione è insegnare al tuo cavallo come abituarsi a qualcosa di cui ha paura.

I cavalli sono guidati dall’esempio. Quindi, da parte tua, è importante che tu appaia calmo, freddo, competente e chiaro con le tue istruzioni.

Da Horse and Rider, ecco tre tecniche per rendere i cavalli pronti a cavalcare e meno reattivi usando sacchetti di plastica, tosatrici e usare una palla.

I cavalli hanno paura da morire di queste cose. Provate che il vostro cavallo si sbaglia.

Qualunque oggetto scegliate, ecco i passi fondamentali:

  • Stare in piedi alla fine della linea e tenere l’oggetto di sventura. Il tuo cavallo si allontanerà naturalmente. Quando si ferma, premiate questo piccolo sforzo.
  • Mostrate di nuovo l’oggetto di sventura, avvicinandolo per metà. Avvicinalo al tuo viso e se risponde positivamente, abbassa l’oggetto o spostalo un po’ più lontano.
  • Non fare movimenti lenti e inquietanti, questo sembra sospetto. Rimani calmo e lascia che l’oggetto tocchi la testa o la schiena del cavallo. Lascia che lo senta e vai avanti.

Migliori metodi per domare un cavallo di Monty Roberts

Disse che sarebbe rimasta per un’ora.

Poi, per il resto della giornata, cancellò tutti i suoi appuntamenti.

Non era altri che la monarca regnante d’Inghilterra, la regina Elisabetta II.

La prima volta che si incontrarono, la regina affidò i suoi cavalli a Monty Roberts.

È il famoso allenatore che doma i cavalli con i suoi sussurri. Non con le fruste.

L’uomo può sellare, imbrigliare e domare bene un cavallo in 30 minuti.

Guarda i suoi video su Youtube, rimarrai stupito.

Quali sono i suoi metodi migliori per domare un cavallo?

Il metodo di addestramento del cavallo Join Up

Se guardi il video di Roberts Monty, osserverai i suoi migliori metodi per domare un cavallo come segue:

  • In un recinto circolare, l’addestratore si comporta come un predatore e comincia a fare grandi movimenti e rumore.
  • Aspettatevi che il cavallo scappi ma non usate alcuna forza per richiamarlo. Invece, datele la possibilità di tornare a sua volontà.
  • Invitate il cavallo ad unirsi al “branco”, sperando che risponda chiudendo un orecchio e abbassando la testa
  • Quando mostra i segni della fiducia, l’addestratore farà movimenti sottili per comunicare con il cavallo – tenendo le braccia vicine al corpo, ginocchia rilassate, spalle quadrate e contatto visivo – poi inviterà il cavallo a “unirsi”.

L’idea dietro il Join Up

Un cavallo è un membro di un branco e risponde ad un leader. Questo è l’addestratore. Ha bisogno di unirsi e agire in modo appropriato con il leader per essere parte del branco.
Segni che il cavallo è stato sottomesso sono:

  • Capovolto
  • Lecca
  • Mastica

La comunicazione è la chiave di questo metodo molto popolare adottato dagli addestratori di cavalli naturali di tutto il mondo.

Altri metodi migliori per domare un cavallo sono quelli di Clinton Anderson, Sue Spence, Richard Shrake, Guy Mclean, Chris Irwin e Frank Bell tra molti altri.

Metodi tradizionali

Non si può correre, non ci si può nascondere.

Non ti resta che affrontare le tue paure.

I metodi tradizionali per domare un cavallo implicano l’uso della forza, il dominio e la creazione della paura.

Altri lo chiamano addestramento. Alcuni lo chiamano abuso.

In quanto animale sensibile, questi metodi sono alcune delle fasi usate per domare un cavallo, alla vecchia maniera.

1. Legare

Sembra semplice.

Corda un collo al cavallo e legalo ad un palo.

Il cavallo cercherà di fuggire ma alla fine si stancherà. Una volta che il cavallo accetta la costrizione, ha accettato di essere legato.

Ma non è così semplice. Alcuni addestratori legano i cavalli scomodamente in piccoli recinti, privati di cibo e acqua per il resto della notte.

Al mattino, affamati ed esausti, ci sarà meno resistenza con la corda.

2. Sacking Out

Come discusso sopra, i cavalli si spaventano facilmente. Alcuni da selle. La vecchia tradizione di rompere un cavallo consiste nel mettere nel sacco un cavallo per farlo calmare.

Il movimento del cavallo è limitato e l’addestratore colpirà il cavallo con l’oggetto di sventura fino allo sfinimento. Non è esattamente un buon modo per superare una paura.

Schiacciare un cavallo impaurito non solo è inefficace, ma può essere pericoloso per l’animale con conseguenti lesioni e maggiori paure.

3. Cavalcare e governare

La leggenda narra che l’eroe popolare Sasruquo fu l’ideatore di questo metodo di addestramento.

C’era una volta Sasruquo che saltò sulla schiena di uno stallone e fece precipitare il cavallo nel fiume.

Il cavallo lottò contro il torrente e fu Sasruquo che guidò la bestia verso la sicurezza delle rive del fiume.

Dopo questa rischiosa impresa, Sasruquo si guadagnò il rispetto del cavallo che da allora seguì i suoi comandi.

In questo metodo tradizionale di domare un cavallo, si tratta di forza e dominio.

Può essere troppo rischioso guidare un cavallo non domato in un fiume. Invece, gli addestratori trattengono, bendano, cavalcano e frustano un cavallo.

La regola è di rimanere a bordo, non importa come, finché il cavallo non smette di disarcionare.

Quali metodi migliori per domare un cavallo funzionano meglio?

Quando si tratta dei metodi migliori per domare un cavallo, non c’è una taglia unica che vada bene per tutti: dovrai imparare per il resto della tua vita.

Altri preferiscono l’equitazione naturale, più gentile e delicata.

La ricerca dice che i cavalli moderni preferiscono anche addestratori sottomessi.

Ma all’inizio conviene tenere la mente aperta e usare il meglio di entrambi i metodi, naturale e tradizionale.

I consigli e le lezioni arriveranno a destra e a manca. Puoi concentrarti su un approccio o combinare diversi metodi.

Dopotutto, non tutti i cavalieri sono uguali.

Alla fine, finché le tue tecniche sono sicure ed efficaci, dipende tutto da te.

Consiglio finale: Sii un proprietario di cavalli responsabile

Questo viene con un consiglio cliché di, non smettere mai di imparare.

Mantenere un cavallo vivo, richiede molto.

Pazienza, duro lavoro, tempo, responsabilità e denaro. Molto.

Leggi di più: Consigli e trucchi per la cura del cavallo per i principianti

Creare un cavallo richiede un passo avanti.

Devi essere disposto a provare cose nuove se significa migliorare la salute, la longevità e lo scopo del tuo cavallo.

Infine, gli errori sono i benvenuti. I migliori metodi per domare un cavallo non sono perfetti. Ma affinando le vostre tecniche e provando ancora, e ancora, vi avvicinerete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.