La raccomandazione del vaccino HPV per gli adulti può essere confusa

Dic 2, 2021
admin

Le decisioni di vaccinazione sono spesso abbastanza semplici. Le persone soddisfano, o non soddisfano, i criteri per i vaccini in base alla loro età o ad altri fattori. Ma quando un pannello federale ha recentemente raccomandato linee guida aggiornate per il vaccino contro il papillomavirus umano (HPV), ha lasciato un sacco di incertezza.

Il pannello ha raccomandato che uomini e donne tra i 27 e i 45 anni decidano, parlando con i loro medici, se ha senso per loro ottenere il vaccino HPV.

Ma alcuni sostenitori della salute pubblica criticano questo consiglio perché dicono che non fornisce medici e pazienti con una guida chiara su chi sono buoni candidati in questo ampio gruppo di età. Si preoccupano anche che molte persone verranno vaccinate e non ne beneficeranno, aggiungendo costi inutili al sistema e possibilmente riducendo il numero di persone che potrebbero essere vaccinate all’estero, dove il vaccino HPV è a corto di scorte.

“La mia preoccupazione è che ci saranno molte persone o medici che raccomandano questo vaccino,” ha detto Debbie Saslow, direttore generale di HPV e tumori ginecologici presso l’American Cancer Society. “Ma penso che il beneficio sia molto piccolo e non abbiamo una guida.”

Il papillomavirus umano è l’infezione a trasmissione sessuale più comune negli Stati Uniti; quasi tutti coloro che sono sessualmente attivi lo prenderanno prima o poi. La gente di solito elimina il virus da sola, e spesso non si rende nemmeno conto di essere stata infettata. Ma in alcune persone, l’HPV rimane nel corpo e può causare diversi tipi di cancro, così come le verruche genitali.

Ogni anno, l’HPV causa più di 33.000 casi di cancro, compreso più del 90% dei cancri cervicali, così come i cancri della vagina, della vulva, del pene, dell’ano e dell’area nella parte posteriore della gola chiamata orofaringe, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Oltre 40 tipi di HPV colpiscono la zona genitale. Gardasil 9, il vaccino usato negli Stati Uniti, prodotto dal laboratorio Merck, fornisce protezione contro nove di essi, che insieme sono associati alla maggior parte dei tumori legati all’HPV e causano il 90% delle verruche genitali.

Perché l’HPV è così comune tra le persone sessualmente attive, il momento migliore per farsi vaccinare è prima di diventare sessualmente attivi e sono a rischio di esposizione al virus. L’Advisory Committee on Immunization Practices (ACIP) del CDC raccomanda la vaccinazione HPV per tutte le ragazze e i ragazzi di 11 e 12 anni. I vaccini di recupero per i giovani al di fuori di quella finestra di età sono raccomandati fino all’età di 21 anni per i maschi e 26 per le femmine (l’aggiornamento proposto per il vaccino HPV cambierebbe la guida alla vaccinazione per i maschi per allinearsi con il limite di età di 26 anni per le femmine).

Nella sua riunione di giugno, il comitato di immunizzazione, composto da esperti di salute pubblica, ha raccomandato di espandere la finestra di vaccinazione per includere gli adulti dai 27 ai 45 anni.

Ma piuttosto che dare il via libera a tutti in quel gruppo di età, il pannello ha detto che le persone dovrebbero “prendere decisioni cliniche condivise” insieme al loro operatore sanitario per determinare se il vaccino è giusto per loro.

“L’ACIP ha fatto questo tipo di raccomandazione perché è improbabile che la maggior parte delle persone in questo gruppo di età possa beneficiare del vaccino”, ha scritto la portavoce del CDC Kristen Nordlund in una e-mail.

Il vaccino non proteggerà le persone contro i tipi di HPV a cui sono già state esposte, e molte persone sessualmente attive sono state esposte ad almeno alcuni tipi di HPV entro i 20 anni.

Questo rende più difficile che il vaccino abbia un impatto in questo gruppo di età. Uno studio di modellazione economica presentato alla riunione dell’ACIP indica che, sulla base delle attuali linee guida che raccomandano l’immunizzazione fino a 26 anni, 202 persone dovrebbero essere vaccinate per prevenire un caso di cancro legato all’HPV. Quando le raccomandazioni vengono ampliate per includere le persone fino a 45 anni, il numero che avrebbe bisogno di essere vaccinato per prevenire un caso di cancro aumenta esponenzialmente a 6.500.

Tuttavia, è improbabile che le persone nel gruppo di età più avanzata siano state esposte a tutti i nove tipi di HPV che il vaccino protegge.

“C’è un senso che si può ottenere una certa protezione contro alcuni tumori futuri”, ha detto il dottor William Schaffner, un professore di medicina preventiva e malattie infettive alla Vanderbilt University School of Medicine, che è il collegamento ACIP per la Fondazione nazionale per le malattie infettive.

Tuttavia, i pazienti, e i loro medici, avrebbero difficoltà a sapere se l’immunizzazione sarebbe benefica.

“Il problema è che nessun individuo è in grado di sapere a quale tipo specifico di HPV è stato esposto”, ha detto il dottor Christopher Zahn, vice presidente per le attività in ufficio presso l’American College of Obstetricians and Gynecologists.

Gli esperti di vaccini hanno alcuni suggerimenti su quali persone sopra i 26 anni potrebbero prendere in considerazione la serie di tre colpi. Includono persone con più partner sessuali e coloro che sono appena single e che escono con qualcuno dopo essere stati in un matrimonio o in una relazione monogama.

Jennifer Sienko, 40 anni, è in una posizione migliore della maggior parte delle persone per valutare se prendere o meno il vaccino. È co-presidente della National HPV Vaccination Roundtable, una coalizione di gruppi che mira a ridurre i tumori da HPV organizzata dall’American Cancer Society.

Ma è stata sorpresa di recente quando un nuovo medico le ha chiesto se voleva il vaccino. Ha detto di no.

Sienko, che vive a Chicago, è sposata con il suo secondo marito da tre anni, e questo ha pesato sulla sua decisione. Ma ha detto che potrebbe essere stato diverso quando è stata single per un po’.

“Ci potrebbe essere stata una finestra in cui, se il vaccino fosse stato indicato per le donne anziane, forse tra i miei matrimoni, avrei indagato la possibilità”, ha detto.

Il CDC sta rivedendo la raccomandazione dell’ACIP. Se lo approva, gli esperti si aspettano che il CDC fornisca più indicazioni nel determinare per chi il vaccino è appropriato.

Se il CDC approva l’estensione dell’età del vaccino in consultazione con un fornitore di assistenza sanitaria, la maggior parte degli assicuratori coprirebbe i costi, poche centinaia di dollari per dose. Secondo le regole di copertura preventiva dell’Affordable Care Act (ACA), i pazienti generalmente non dovranno pagare nulla di tasca propria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.