Non dovresti accontentarti di meno e questo è il motivo

Gen 24, 2022
admin

di: E.B. Johnson

Quando si tratta di relazioni, accontentarsi è una di quelle parole che non ci piace sentire. Ed è soprattutto una di quelle parole a cui non ci piace pensare. Accontentarsi significa rinunciare, e significa stare con un partner che non è né innamorato né investito nel tuo stesso futuro. Quando ci accontentiamo di partner e relazioni, rinunciamo a cose migliori che altrimenti potrebbero portarci gioia e significato. Per assicurarci di evitare questo errore, dobbiamo capire cosa ci fa impegnare in questo comportamento autodistruttivo in primo luogo.

La pressione per sistemarsi e avere un ragazzo, una ragazza, un partner o un coniuge è molto reale. Da bambini, pensiamo alle “anime gemelle” come l’obiettivo finale, e da adulti questo non cambia necessariamente. Diventiamo così ossessionati dal raggiungimento di questo obiettivo che spesso perdiamo di vista noi stessi, perdendo il contatto con ciò che vogliamo e di cui abbiamo bisogno, mentre ci buttiamo a capofitto con persone che non forniscono nessuno dei due. Se stiamo veramente cercando di creare delle vite soddisfacenti che siano nostre, dobbiamo lasciare andare questo bisogno disperato di trovare qualcuno a tutti i costi, e iniziare ad innamorarci di noi stessi; qualcosa che richiede tempo, pazienza e comprensione per essere sbloccato.

Il sistemarsi è un argomento complesso, e uno che suscita molte opinioni diverse da molte persone diverse. Le nostre madri venivano da un’epoca in cui accontentarsi era tutto ciò che c’era, ma la vita moderna è molto, molto diversa. In questi giorni, siamo (per lo più) i padroni dei nostri destini, e questo significa creare le relazioni e le circostanze in questa vita che ci fanno sentire soddisfatti. Quando ci accontentiamo di meno di quello che vogliamo, tuttavia, questo può portare ad alcune serie conseguenze sia romantiche che emotive.

Accontentarsi non significa accettare i difetti di qualcuno. Non è un nobile martirio. È intrappolarsi in qualcosa che ti rende infelice, e lo fa per poco più che per insicurezza, paura o dipendenza dalle opinioni di altre persone. È una cosa tossica da fare, ed è qualcosa che è completamente evitabile quando sai chi sei e sei determinato a vivere la vita alle tue condizioni.

Anche se il viaggio verso l’autodeterminazione può non sembrare sempre facile, ne vale la pena. Rendersi conto che ci stiamo accontentando è l’inizio di un processo che sblocca una vita che è interamente nostra. Arrivarci richiede di abbracciare le nostre paure, tuttavia, e di abbracciare tutte le altre sfaccettature del viaggio sia difficili che facili; piacevoli e sgradevoli. Se ti senti bloccato, spaventato o incatenato a qualcuno che semplicemente non è giusto – continua a leggere. Puoi andare di nuovo per conto tuo e creare una vita che è tua quando sai come farlo correttamente.

Come appare.

Ci sono una serie di segni che potrebbero farti accontentare di meno di quanto meriti in questa vita e nelle tue relazioni. Sia che tu stia riempiendo lo spazio nella tua vita con giustificazioni e scuse, o che tu stia semplicemente accumulando irritazioni senza fine – il nostro io interiore ha un modo divertente di dirci quando è abbastanza, ma dobbiamo sintonizzarci e ascoltare attentamente per ricevere il messaggio.

Le giustificazioni abbondano

La giustificazione è una cosa divertente, e uno dei meccanismi di coping più comuni che attiviamo quando sappiamo che ci stiamo accontentando di meno di quanto meritiamo. Potresti cercare di convincerti che tu e il tuo partner siete felici, o che le cose stanno progredendo naturalmente – anche quando chiaramente non è così. Oppure, potresti dire a te stesso che la vita è così e che il tuo partner ha il diritto di essere totalmente sbagliato per te. Solo quando smettiamo di giustificare il punto in cui ci troviamo possiamo essere onesti su ciò che vogliamo veramente.

Irritazione senza fine

Trovi che ti ci vuole un enorme sforzo per interagire con il tuo partner? Vi trovate a prepararvi mentalmente o emotivamente prima ancora di mettervi in presenza dell’altra persona? Questo è uno dei più grandi segni rivelatori che qualcosa non va, e che potresti accontentarti di qualcuno che non è la persona giusta. Anche nei punti più bassi delle nostre relazioni, non dovrebbe essere una lotta per stare con i nostri partner. La persona giusta è sempre lì per te, e sembra sempre naturale.

Incapacità di fermare i paragoni

Quando non abbiamo quello che vogliamo veramente, i nostri occhi sono attratti dal mondo esterno, dove trovano un mare di paragoni che non fanno nulla per aiutare la nostra salute mentale ed emotiva. Pensare a qualcun altro o pensare a come potrebbero essere le cose con lui è un segno che non stai ottenendo ciò che vuoi a casa. Mentre questo potrebbe essere solo un difetto temporaneo nella vostra partnership, potrebbe anche essere un segno che entrambi stareste meglio in circostanze diverse, con persone diverse.

Restlessness

La vita si muove velocemente, e ci attira sempre in avanti con le sue opportunità e tentazioni. Quando siamo veramente soddisfatti e otteniamo ciò di cui abbiamo bisogno dal nostro ambiente, questa attrazione è meno intensa, e siamo più felici di rimanere concentrati sul qui e sull’ora. Quando invece non otteniamo ciò di cui abbiamo bisogno (sia emotivamente che fisicamente) continuiamo a cercarlo, e questo porta a una sensazione di irrequietezza che può seriamente minare la nostra felicità e realizzazione a lungo termine.

Tutte le lamentele

Come esseri umani, abbiamo una serie di divertenti meccanismi di coping che lavorano per guidarci verso ciò di cui abbiamo bisogno. Questi piccoli meccanismi, tuttavia, possono rendere davvero difficile per chi ci circonda – specialmente per chi non è adatto a dove stiamo andando. Uno di questi meccanismi è la lamentela, che usiamo per segnalare il dispiacere al partner che non sta facendo qualcosa che vogliamo. Non riescono a fare niente di buono, e niente di quello che fanno ti fa sentire più attratto o appassionato da loro. Sono irritazioni senza fine, e un numero stupido di lamentele che altrimenti non ti disturberebbero.

Perché lo facciamo.

Non ci svegliamo e decidiamo di accontentarci di meno di quanto meritiamo un giorno. È qualcosa che accade come risultato di una serie di fattori. Bassa autostima, ingenuità e persino la tua dipendenza finanziaria possono lasciarti bloccato in un solco e incatenato a una relazione che non è né sana né utile. Liberarsi dal nostro disperato bisogno di accontentarsi richiede di scavare in profondità e di essere onesti sulle ragioni che stanno dietro al nostro bisogno di essere infelici.

Bassa autostima

La bassa autostima è una delle ragioni più comuni per cui rimaniamo in giro a lungo dopo che le cose non vanno più bene. Sentirci male con noi stessi, o pensare che non siamo degni, ci porta a cadere nelle braccia di persone che non sono giuste per noi. E ci tiene bloccati anche dopo aver capito che non sono “quelli giusti”. Questo perché la bassa autostima ci costringe a credere che ci meritiamo una vita povera, o l’infelicità. Qualcosa che semplicemente non è vero… a nessun livello.

Ingenuità

L’ingenuità è una cosa pericolosa, specialmente quando si tratta di relazioni romantiche. Quando ci lasciamo accecare da un innocente ottimismo, è più facile che ci si approfitti di noi. Rendiamo anche più facile tenerci bloccati, accontentandoci di relazioni che non si adattano ai nostri veri scopi o alla nostra felicità. Questa ingenuità potrebbe assumere la forma della convinzione che le cose cambieranno o miglioreranno. Oppure, potrebbe assomigliare un po’ a qualcuno che accetta le cose così come sono – non importa quanto siano brutte – in una sorta di “martirio atteso”.

Vetri colorati di rosa

Gli occhiali colorati di rosa sono ancora un altro motivo per cui frequentiamo partner e persone che non hanno a cuore i nostri interessi. Potremmo pensare che il nostro partner cambierà, o che abbiamo la capacità di cambiarlo. Potremmo pensare che le cose siano migliori di come sono o potremmo pensare che le cose stiano progredendo naturalmente. Vedere le cose attraverso occhiali colorati di rosa ci mantiene ingenui e ci aiuta a mantenerci bloccati e infelici.

Paura di rimanere soli

Molti di noi rimangono in relazioni che non sono una grande misura, perché pensiamo che se lasciamo andare questa persona, non ci sarà nessun altro là fuori che accetterà di amarci. Questa è una convinzione completamente ridicola, tuttavia, poiché – considerando il fatto che ci sono più di 7 miliardi di persone sul pianeta – c’è letteralmente qualcuno là fuori per tutti. È una paura di essere soli e, come tutte le altre paure, distrugge chi siamo.

Dipendente o responsabile

Se sei emotivamente o finanziariamente dipendente da qualcuno, può portarti a tenerti incatenato a relazioni che in realtà non servono alla tua vera felicità. Essere dipendenti da qualcuno, o sentirsi responsabili di qualcuno, ci fa restare nei paraggi molto tempo dopo che le cose non funzionano più. Il problema con questo, tuttavia, è che porta sempre a un’ulteriore erosione di sé e della felicità.

Perché non funziona mai.

Anche se potremmo essere portati a credere che accontentarsi non sia così male, niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Accontentarsi di qualsiasi cosa in questa vita – specialmente le relazioni – è una cattiva e pigra abitudine in cui entrare, e che distrugge il nostro senso di sé. Se stai lottando in questa vita e stai cercando di essere di nuovo felice, renditi conto che accontentarsi non funziona mai.

Ti stai perdendo qualcosa di reale

Per evitare di accontentarti devi iniziare a pensare alla tua vita in termini di beni immobili. Accontentarsi è rinunciare a un bene immobile fisico nella tua vita, e limitare la stanza e lo spazio emotivo che hai per altre esperienze e persone reali e significative. Per esempio, se ti tieni incatenato a un partner che non è adatto a te, stai chiudendo la porta all’opportunità di incontrare il partner che è perfetto per te. Accontentarsi è un po’ come un accovacciarsi emotivo, che chiude ogni possibilità di trasformare quello spazio in qualcosa di appagante e di successo.

Le voglie non si fermeranno mai

Solo perché hai permesso a qualcos’altro di occupare spazio fisico nella tua vita non significa che smetterai di desiderare quelle cose intangibili che stavi cercando all’inizio. Quando ci accontentiamo, non smettiamo di cercare le cose che ancora vogliamo e di cui abbiamo bisogno. Anche se siete in una relazione impegnata, l’infelicità verrà a galla e il vostro sguardo comincerà a vagare quando vi troverete nelle vicinanze di qualcuno che ha le qualità di cui avete bisogno.

Le persone non cambiano per altre persone

L’accontentarsi è una trappola, e spesso inizia con la falsa convinzione che le persone possano cambiare… e che possiate essere voi a cambiarle. Non puoi trasformare il tuo partner nella persona che vuoi. Non possono nemmeno trasformarsi nel partner dei sogni che hai idealizzato da quando eri bambino. Non solo quella persona non esiste, ma non è nemmeno possibile cambiare le persone che ci circondano. Non puoi plasmare il tuo partner in qualcuno che non è, e non puoi controllarlo o prevedere come si inserirà in qualsiasi futuro tu abbia sognato. È possibile cambiare? Certo. Ma solo quando vogliamo quel cambiamento per noi stessi e ci attiviamo da soli.

Risentimento, risentimento, risentimento

Forse uno dei maggiori pericoli dell’accontentarsi in una relazione è il risentimento che sempre ne deriva. Quando non otteniamo ciò di cui abbiamo bisogno o che vogliamo, questo può portare a una serie di emozioni, l’ultima delle quali non è la rabbia e la delusione. Iniziate a provare risentimento verso il vostro partner, e poi iniziate a provare risentimento verso voi stessi per essere rimasti intrappolati in primo luogo. Potreste anche cominciare a risentirvi con le persone che vi hanno incoraggiato a “rimanere forti” o a tenere insieme la relazione, quando era chiaro che voi non eravate adatti in primo luogo.

Aumentare l’autostima

L’accontentarsi è un modello pericoloso in cui cadere, e può seriamente intaccare chi siamo e cosa vogliamo. Rimanere con qualcuno che non serve ai tuoi bisogni o desideri non è sano, e porta sempre ad una messa in discussione di sé. Quando si passa tutto il tempo ad accontentarsi di meno di quello che si vuole, si comincia a credere che è tutto ciò che si merita. E qui si trova l’erosione dell’autostima che ci cambia drammaticamente dall’interno; distruggendo opportunità che altrimenti avremmo potuto abbracciare.

Incoraggiando la paura nella tua vita

Essere in una relazione infelice è peggio che essere soli, perché piuttosto che darti la possibilità di riconoscere le tue forze interiori, può minare la tua salute fisica e mentale. Accontentarsi incoraggia più paura e insicurezza nella nostra vita, e crea la convinzione totalizzante che la vita è orribile perché tu sei orribile. Questa spirale verso il basso diventa sempre più oscura, fino a quando non sei consumato dall’ombra e seguito ovunque dalla paura che non sarai mai abbastanza buono o non avrai mai abbastanza per essere felice.

Come smettere di accontentarsi e iniziare a creare le relazioni che meriti.

Se ti sei accontentato in passato, o anche se pensi che potresti accontentarti proprio ora, la buona notizia è che può essere cambiato. La prima parte della costruzione della vita che vogliamo è realizzare tutte le cose che ci trattengono o ci impediscono di impegnarci nella trasformazione che stiamo così disperatamente cercando. Una volta che abbiamo riconosciuto queste persone e circostanze per quello che sono, possiamo scavare in profondità e cambiarle.

Ignora la tua autoconsapevolezza

Il primo passo per diventare autentici ci richiede di diventare reali su quello che vogliamo fare (e quello che non vogliamo). Dobbiamo essere onesti su chi siamo e cosa vogliamo da questa vita, e dobbiamo iniziare a costruire la consapevolezza di cui abbiamo bisogno per attingere alla nostra fiducia interiore. Questo richiede di passare del tempo con noi stessi, e scavare in profondità nella carne di chi siamo su base regolare.

Una pratica di diario consapevole è un ottimo punto di partenza quando si tratta di entrare in contatto con i nostri desideri ed emozioni interiori. Trova uno spazio tranquillo dove sarai ininterrottamente, e trascorri qualche minuto ogni giorno ponendoti domande importanti come: “Cosa vuoi aver realizzato alla fine di tutto?” e “Cosa conta davvero per te?”. Registra le tue risposte onestamente, come vengono, e non rifuggire dalla verità che ti mostrano.

Solo quando conosciamo intimamente noi stessi, e cominciamo a riconoscere le cose che ci rendono felici e quelle che non lo fanno, possiamo imparare come iniziare a formare i confini che un giorno costituiranno le misure esterne della nostra gioia. Sii realistico su ciò che vuoi e ciò che non vuoi nel tuo ambiente. Sii onesto sulle tue emozioni, e sii onesto sulle cose di cui hai bisogno per sentirti come se stessi prosperando.

Abbraccia tutte le tue paure più gravi

Prima di poter saltare nell’ignoto, devi imparare ad abbracciare le tue paure. Tutti abbiamo paura di essere soli, e tutti abbiamo avuto paura che qualcosa dentro di noi non sia “abbastanza buono”. Questa non è la realtà, tuttavia, e quando abbracciamo questa comunanza, possiamo dare a noi stessi il potere di raggiungere le cose e le persone che sono sia più appaganti che significative.

Accetta che la paura di essere single è normale. Accetta che è scomodo, ma accetta anche che potrebbe essere un modo migliore per trovare qualcosa che ti si adatti meglio. Abbraccia tutte le tue insicurezze, e tutte quelle paure del tuo passato che ti hanno permesso di rimanere incatenato a cose che non ti danno ciò di cui hai bisogno da questa vita.

Solo quando impariamo ad abbracciare le nostre paure e insicurezze per quello che sono possiamo trovare il rivestimento d’argento di cui abbiamo bisogno per trasformarle in punti di forza. Chiedetevi: È così che voglio vivere il resto della mia vita? In un ciclo continuo di autosconfitte? Cosa ho davvero da perdere a questo punto? Cosa c’è di così sbagliato nell’ottenere ciò che vuoi? Renditi conto che è molto più facile affrontare le tue paure che passare il tempo a proteggerle. Solo guardandole negli occhi e abbracciando le tue paure per quello che sono (e per quello che ti rendono) puoi ritrovare la strada verso la vera gioia.

Cerca le tue passioni

C’è molta pressione da parte della società per entrare in relazioni stabili e iniziare a procreare il più velocemente possibile. Non è difficile farsi prendere da questa pressione e perdere di vista le cose che contano, specialmente quelle che contano solo per te. Quando perdiamo di vista le nostre passioni e le nostre gioie – in cambio della ricerca dell'”anima gemella” – perdiamo di vista noi stessi.

Cercate le cose che riaccendono le passioni che una volta avevate nella vita. Appoggiati ai tuoi amici e ascoltali quando ti dicono le verità che non vuoi sentire. Ricollegandoci alle cose e alle persone (al di fuori delle nostre relazioni) che contano di più, possiamo renderci conto di nuovo del nostro valore e iniziare a perseguire le cose che sono più in linea con ciò che vogliamo.

Abbraccia tutti i piaceri che vengono dall’essere interamente la tua persona. Prendete un corso. Unisciti a un club del libro. Fai quel viaggio da solo di cui parli dai tempi del college. Piuttosto che perlustrare il mondo per altre persone, o ripiegarti in una forma che non ti sta bene, insegui le cose che ti fanno cantare il cuore. Ristabilisci la tua fiducia e riconnettiti con la vita vissuta interamente come vuoi tu. Riempi quel buco nel tuo cuore con cose significative, non con persone che vorresti fossero più significative per te.

Fissa dei confini

I confini sono una parte essenziale di una vita felice e sana. I nostri confini formano la base della nostra sicurezza in questo mondo caotico, e sono il mezzo principale con cui ci proteggiamo dai buoni a nulla e dagli abusatori che non vogliono altro che approfittare di noi nei nostri momenti più deboli. Se pensi di essere bloccato in una routine, appoggiati ai tuoi confini per fare leva sulla tua via d’uscita.

I tuoi confini ti permettono di definire i tuoi limiti, e definiscono anche i termini con cui interagisci con il mondo intorno a te. Se stai lottando con qualcuno che manipola le tue emozioni, o che ti spinge in giro – rielabora le tue linee di confine (lentamente) e rendi chiaro dove si trova la linea per te.

Per stabilire dei confini praticabili per te stesso, devi prima riconoscere che i tuoi bisogni sono importanti e poi che sono una tua responsabilità. Prenditi il tuo tempo e crea abbastanza spazio tra te e il tuo abusatore in modo da poter valutare onestamente i tuoi sentimenti e i tuoi bisogni. Una volta che hai le tue esigenze a portata di mano, comunica queste esigenze al tuo partner in una conversazione franca e onesta che metta in chiaro che hai diritto al rispetto.

Non compromettere i tuoi valori

Qualunque cosa sia stata che ti ha portato a innamorarti, prenditi qualche momento per rivalutare e riallinearti con la realtà della situazione. Lascia cadere le illusioni che ti hanno portato a struggerti per qualcuno e datti una serie di termini (e un timer) che definisca chiaramente quando è abbastanza. All’interno di questi termini, considera anche dove si trovano i tuoi valori. Se vuoi veramente smettere di accontentarti, devi smettere di compromettere i tuoi valori – specialmente quando si tratta delle tue relazioni romantiche.

Impara l’arte di stare al passo con i tuoi valori, mettendoti prima a tuo agio nel vivere in modo trasparente e autentico. Solo quando sei veramente te stesso puoi incanalare il potere di cui hai bisogno per parlare e parlare quando è veramente importante. Trova la tua verità e attieniti ad essa. Se qualcosa ti turba, chiariscilo. Inizia ad affrontare e ad essere deliberato nell’esprimere ciò che vuoi – sia a te stesso che per te stesso.

Devi riconoscere i tuoi comportamenti masochistici e smettere di autolesionarti mentalmente ed emotivamente attaccandoti alle cose che non ti vanno bene. Quando i pensieri di inutilità iniziano a infiltrarsi, devi trovare un dialogo che possa contrastarli e ribaltarli. Dì a te stesso che sei meritevole delle cose che vuoi in questa vita tanto quanto chiunque altro al mondo e dillo sul serio. Prenditi cura di te stesso e conosci la bella anima che sei dentro e fuori.

Modifica il tuo pensiero

Lasciare che pensieri come “non posso” o “sono un fallimento” dominino la tua vita può farti perdere il contatto non solo con te stesso ma anche con la tua voce. Perdendo queste cose, ci allontaniamo completamente da chi siamo veramente e lo sostituiamo con pensieri e schemi di pensiero negativi. Devi sostituire quella voce negativa con una sottile e più amorevole che si complimenta con le cose che effettivamente fai bene, e lasciare andare il tuo bisogno di soddisfare le tue aspettative più povere.

Trasforma la tua voce interiore da una che ti abbatte a una che ti solleva. Trova la tua voce trasformando la tua voce interiore, e poco a poco imparerai che sei tu a detenere tutto il potere sulla tua vita.

Più ti sintonizzi con quella voce che eleva le tue forze in un canto, più ti renderai conto di quel sussurrante desiderio che è sempre stato dentro di te. La tua anima ha cantato per le cose buone per tutto questo tempo, chiamandole, ma tu hai solo tirato su i binari prima che potessero arrivare. Realizza questo trovando la tua voce e ritrovando la strada verso la persona potente e autentica che sei veramente.

Allinea parole e azioni

Dopo aver afferrato meglio chi sei e cosa vuoi, devi definire il tuo scopo e inseguirlo con tutto quello che hai. Definisci cosa vuoi comunicare attraverso le tue parole, decisioni e azioni. Identifica chiaramente anche cos’è che vuoi contribuire al mondo che ti circonda. Devi dare un senso alla tua vita per trovare un senso alla tua vita. Scegli uno scopo e inseguilo come un cane che segue l’odore. Nessuno ti ferma se non te stesso.

Allinea le tue parole alle tue azioni, e applicale alla tua vita per attivare i tuoi confini. Se dici a qualcuno che non tollererai certi comportamenti – taglialo fuori quando viola questi desideri. Se hai passato gli ultimi 3 anni a dire alla gente che vuoi sposarti e trasferirti alle Fiji – inizia a fare i passi che portano a quella vita.

Essere te stesso e vivere una vita che è interamente tua non significa indossare i vestiti che vuoi o tingerti i capelli di quel colore pazzo (anche se queste cose sono certamente una parte di esso). Significa difendere ciò che pensi, porre dei limiti personali e rispettarli, e allineare le tue parole con le tue azioni. La falsità ci distrae dal cammino. Dobbiamo abbandonare la farsa se vogliamo trovare la nostra strada e la nostra felicità, e diventare proattivi nel trasformare il mondo intorno a noi.

Mettere tutto insieme…

Quando si vive una vita che è avvolta dalla paura e dall’insicurezza, può essere facile trovarsi ad accontentarsi di relazioni o opportunità che non si adattano realmente a chi si è o a cosa si vuole. È fondamentale che ci rifiutiamo di accontentarci in questa vita, ma questo richiede coraggio e anche una radicale accettazione di sé. Ci accontentiamo per una serie di ragioni, ma i risultati sono sempre gli stessi: tristezza, bassa autostima e persino opinioni più basse di chi siamo e di cosa abbiamo bisogno.

Ignora la tua autoconsapevolezza e diventa brutalmente onesto su dove sei e dove vuoi veramente essere. Guardati intorno in modo realistico e confronta il punto in cui sei con quello in cui hai bisogno di andare. Accontentarsi è facile, ma creare una vita che sia nostra è un po’ più difficile. Abbracciate le vostre paure e capite che siamo tutti un po’ terrorizzati dal cambiamento. Cercate le vostre passioni e lasciate che vi guidino verso le cose (e le persone) che volete davvero avere intorno. Stabilisci dei limiti e smetti di compromettere i valori che altrimenti definirebbero chi sei e cosa vuoi. Quando ci accontentiamo di partner e opportunità che non sono giusti per noi, è spesso un segno di bassa autostima e bassa auto-opinione. Sposta quel pensiero negativo e allinea le tue parole e i tuoi desideri con le azioni che stai usando per manifestare il futuro che vuoi. Abbiamo una quantità limitata di tempo su questo pianeta. Sfruttalo al massimo lasciando andare la tua paura e il tuo disperato bisogno di accontentarti di meno di quello che meriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.