Un giorno alle Isole dei Principi

Gen 24, 2022
admin

Le Isole dei Principi (“Adalar” in turco) sono un arcipelago nel Mar di Marmara, sono una piccola oasi di pace a Istanbul e un luogo perfetto per rilassarsi e godere della natura.

Durante l’estate, vi consigliamo di andarci nei giorni feriali piuttosto che nei fine settimana perché sono invase dai cittadini e dai turisti.

Devono il loro nome al fatto che durante il periodo bizantino la famiglia imperiale e gli aristocratici in disgrazia furono esiliati nei monasteri delle isole. Divennero poi la destinazione preferita dell’aristocrazia ottomana per il fine settimana, e ancora oggi si trovano molte ville in stile vittoriano.

Le quattro isole principali dell’arcipelago sono Büyükada, Heybeliada, Burgazada e Kinaliada. Sono accessibili in traghetto da Beşiktaş, Eminönü e Kabataş dal lato europeo, e da Kadıköy e Bostancı dal lato asiatico.

Trova gli orari delle barche cliccando qui.

Una delle isole dei principi: Büyükada.

Uno degli aspetti interessanti delle Isole dei Principi è che l’arcipelago è un vero mix etnico e culturale, ogni isola ha una comunità religiosa maggioritaria. Kınalıada era il luogo di vacanza dei vescovi armeni e degli armeni di Istanbul, Burgazada era un villaggio di pescatori greci, Heybeliada era l’isola della “borghesia” turca e greca di Costantinopoli, e infine l’isola più grande, Büyükada, era popolare tra gli ebrei e gli europei di Istanbul, sebbene ogni comunità sia presente sull’isola. Si possono ancora trovare su tutte le isole molte sinagoghe attive, chiese e moschee.

Per scoprire l’arcipelago e nuotare nelle baie nascoste del Mar di Marmara, proponiamo una giornata di navigazione alle Isole del Principe e gite giornaliere in yacht.

Coves raggiungibili solo in barca.

Muoversi sulle isole:

Sulle isole, i veicoli a motore sono vietati. Per spostarsi, le isole usano carrozze (fayton), ma questo mezzo di locomozione è controverso a causa del cattivo trattamento che i cavalli subiscono per soddisfare i numerosi turisti in visita. Inoltre, sempre più Istanbulities stanno diventando consapevoli del miglioramento delle condizioni dei cavalli sulle isole, e in generale della causa degli animali. Vi suggeriamo invece di usare la bicicletta per non incoraggiare il maltrattamento dei cavalli che trasportano decine di persone ogni giorno e per tutta la giornata senza potersi fermare.

Scegliamo le biciclette piuttosto che le carrozze per il benessere dei nostri cavalli.

Il prezzo del noleggio della bicicletta è in media tra 25 e 50 TL per il giorno a seconda dei giorni della settimana o del weekend, è possibile noleggiarla a ore. Dovrete lasciare un documento d’identità come deposito. I noleggiatori di biciclette di solito distribuiscono mappe dell’isola gratuitamente, non dimenticate di chiederne una.

Muoversi tra le isole:

Traghetti tra le isole.

Puoi spostarti in barca (vapur) gratuitamente tra le isole, i traghetti si fermano in ogni isola principale, quindi devi solo salire a bordo.

BÜYÜKADA

Büyükada offre una vasta gamma di attività ai visitatori. La famosa via Çankaya è fiancheggiata da case di legno, e una di queste era la residenza del famoso politico russo: Léon Trotsky. Un altro monumento da non perdere è il monastero greco-ortodosso Aya Yorgi (San Giorgio). Questa è l’attrazione principale dell’isola, si trova in cima alla collina più alta di Büyükada, e offre una vista mozzafiato dell’arcipelago e di Istanbul. L’isola ha due colline, la prima e più vicina al villaggio è Hristo (Gesù in greco), troverete sulla sua cima una massiccia struttura in legno, ritenuta la più grande d’Europa. Questa struttura fu originariamente progettata per essere un hotel/casinò ma il sultano la rifiutò e l’edificio divenne un orfanotrofio greco. Quando la popolazione greca in Turchia diminuì nel XX secolo, l’orfanotrofio chiuse le sue porte e attualmente è abbandonato.

Büyükada è piena di piccoli tesori, a solo un’ora di barca dalla città, vi troverete in un ambiente bello e naturale completamente diverso dal caos della tentacolare metropoli di Istanbul. Anche le altre isole meritano uno sguardo, soprattutto se si viaggia nell’arcipelago nei fine settimana, sono più tranquille e meno turistiche di Büyükada.

Una bella casa di legno a Büyükada.

HEYBELİADA

Heybeliada è la seconda isola più grande e probabilmente la più naturale, oltre alla sua rigogliosa vegetazione si trovano belle case di legno, un monastero greco-ortodosso sulla cima dell’isola e l’Istituto di teologia ortodossa di Halki, un istituto di alta formazione teologica del clero ortodosso.

Istituto di teologia ortodossa di Halki.

BURGAZADA

Burgaz è la terza isola più grande dell’arcipelago, è un’isola tranquilla che fu popolata da cittadini greci dell’impero ottomano. L’isola è chiamata in turco Burgaz e Antigoni in greco, il nome deriva da Demetrio I, uno dei successori di Alessandro Magno che costruì una fortezza chiamata come suo padre Antigono (Burgaz significa “fortezza”).

L’isola di Burgaz dalla nostra barca.

KINALIADA

Kınalıada è la più piccola delle quattro isole principali dell’arcipelago e la meno boscosa. Kınaliada significa isola (ada) e henna (kına), in riferimento al colore delle acque che bagnano l’isola.

Il molo di Kınalıada.

  • Viaggio alle Isole dei Principi
  • Crociera per piccoli gruppi sul Bosforo
  • Visita quotidiana a Istanbul: Beyoğlu e dintorni (Taksim, Istiklal, Galata e Cihangir)
  • Visita quotidiana a Istanbul: La zona del Bosforo
  • Visita quotidiana a Istanbul: Fener e Balat
  • Andare in giro per Istanbul
  • Home page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.